17 Novembre 2012
ACQUA
17 Novembre 2012

Addio acque griffate, alla Coop solo a Km0 e del rubinetto

Promuovere l'acqua del rubinetto, facendo capire che e' salubre quanto quella imbottigliata e che in questo modo si può dare una mano all'ambiente. Questi i punti principali di un'intesa tra Coop e Federutility: una campagna informativa, ' Sull'acqua il massimo della trasparenza', per sensibilizzare i consumatori su un corretto utilizzo

Vita dura quindi per le acque minerali 'griffate': sugli scaffali, a cura dei singoli gestori dei punti Coop, compariranno schede informative con i 9 principali parametri in base agli orientamenti dell'Istituto superiore di sanità con i valori dell'acqua di 'casa', e bottiglie a km zero, cioè provenienti da fonti vicine al punto vendita. Con questa iniziativa, volontaria la Coop porta sugli scaffali di circa 500 supermercati in tutta Italia la possibilità sostanziale per il consumatore di effettuare una scelta consapevole, perché ''la bontà e' soltanto una questione di gusto, ma sulla qualità non c'e' differenza tra acqua in bottiglia e quella del rubinetto''.

Il vicepresidente vicario di Ancc-Coop, Enrico Migliavacca, definisce questa scelta come ''coerente con i principi di tutela dell'ambiente e con la promozione di un consumo consapevole. Due i modi in cui ci si muove: valori dell'acqua del rubinetto e acque minerali a chilometro zero''. In questo modo una mano all'ambiente arriverà oltre che dalla riduzione della plastica usata per le bottiglie anche da un minor uso dei camion per il trasporto ''. In Italia, sottolinea Mauro D'Ascenzi, vicepresidente di Federutility, vengono prodotti 12 miliardi di litri di acque imbottigliate, con l'utilizzo di oltre 350.000 tonnellate di Pet e l'emissione di quasi un milione di tonnellate di CO2. Con questa iniziativa - osserva - ''riusciamo a valorizzare il lavoro che c'è dietro ogni goccia d'acqua del rubinetto: un ciclo virtuoso che in media in Italia costa 1,2 euro ogni 1.000 litri''.
Per Luca Lucentini, direttore del reparto Igiene delle acque interne dell'Iss, ''molto spesso manca una corretta informazione sull'acqua. L'impegno dei gestori e' la base per garantire la qualità delle acque. Parliamo di un bene che non e' una matrice stabile ma naturale; per cui tocca a noi seguirla e controllarla e garantirne la sicurezza''.
Per quanto riguarda Roma, per esempio, dove ''l'acqua e' garantita 24 ore su 24'', Sandro Cecili di Acea annuncia che i parametri dell'acqua saranno disponibili sul sito.
La campagna sull'acqua ha il suo peso per la Coop, spiega infine Migliavacca, con ''una riduzione delle vendite delle acqua minerali in bottiglia del 2%'', ripagata però sotto il profilo della ''responsabilità sociale d'impresa. Si tratta di una scelta per il bene di tutti. Il costo dell'acqua in bottiglia, oltretutto, e' estremamente elevato, anche 0,70-0,75 euro per unità, una cosa impensabile''. Per D'Ascenzi, il valore aggiunto di questa iniziativa ''e' far riflettere il cittadino, ''la cui verso l'ambiente e verso la qualità dell'acqua e' cresciuta negli anni. Del resto il livello qualitativo dell'acqua italiana e' tra i più alti d'Europa nonostante le tariffe più basse'', e questo grazie ''alle decine di migliaia di controlli quotidiani effettuati su tutta la rete''. (fonte Ansa)

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014