Giorgia Martino
ACQUA
Giorgia Martino

Bruxelles 'tira le orecchie' all'Italia: mancato rispetto della messa a norma in tema di acque reflue

Per la quarta volta l'Italia viene richiamata dalla Commissione Europea per mettere a norma le reti fognarie e i depuratori di quasi 276 comuni

L'Italia ancora una volta è stata richiamata dalla Commissione Europea a causa del mancato monitoraggio della situazione delle acque reflue. In questo caso particolare si parla della messa a norma di reti fognarie e depuratori di 276 comuni con più di 2 mila abitanti.

Per la quarta volta, dunque, Bruxelles 'tira le orecchie' al Belpaese in questo campo. La prima volta risale al 2004, e ha portato l'Italia ad una recente sanzione di decine di milioni di euro per la condizione fuori norma delle reti fognarie di più di 70 comuni.

La seconda ha avuto luogo nel 2009, a causa della cattiva gestione delle acque reflue in zone sensibili: in questo caso, l'Italia è ancora a serio rischio di ulteriori sanzioni pecuniarie.

Il terzo procedimento riguarda le reti idriche di 758 agglomerati urbani, ed è ancora nella fase di parere motivato complementare.

La quarta procedura di richiamo deve ancora arrivare alla fase di parere motivato, ma in una nota sottolinea la recidività dell'Italia e l'importanza di porre subito dei rimedi in quanto il mancato rispetto delle regole in questo campo può portare a seri problemi sia per l'ambiente sia per la salute di chi abita in questi comuni.

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014