ACQUA
21 Marzo 2017

Green Cross indice le olimpiadi dell'acqua

Per la Giornata Mondiale dell'Acqua la campagna #salvalagoccia coinvolge famiglie, studenti e sportivi in una gara per i campioni del risparmio idrico.

Usa il bicchiere per lavarti i denti e apri il rubinetto solo per bagnare lo spazzolino. Lava la frutta e i piatti in bacinelle e non sotto l'acqua corrente. Lava l'automobile in un autolavaggio self service e non col tubo del garage. Sono alcuni dei consigli per risparmiare acqua che Green Cross Italia ha raccolto in un decalogo di buone pratiche. Sono regole di buon senso, per lo più già note ma che è bene ricordare: come preferire la doccia al bagno nella vasca (che richiede 150 litri d'acqua), o installare rompigetto nei rubinetti (che fanno risparmiare a una famiglia anche 1000 litri al mese).

L'associazione, in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua che si celebra domani, 22 marzo, ha rilanciato la campagna #Salvalagoccia, invitando tutti, ma soprattutto scuole e famiglie, a partecipare alle "olimpiadi della sostenibilità". Grazie alla collaborazione con il CONI, e con testimonial del calibro di Josefa Idem e Antonio Rossi, entrambi campioni olimpionici di sport indissolubilmente legati all'acqua, Green Cross ha invitato all'azione anche scuole e gruppi sportivi, comuni e associazioni, impegnati a battere i record del risparmio. Ad esempio si chiede di cronometrare i tempi di utilizzo dell'acqua corrente nella toilette mattutina, o nella preparazione del pranzo, o ancora nelle fasi di ristoro dopo le gare sportive. Agli scolari viene suggerito di andare a caccia di sprechi idrici nelle scuole e nel circondario; di redigere regole anti spreco per i bagni e le palestre; di farsi testimonial della campagna coinvolgendo i media locali. Nelle scorse edizioni, per questa gara di sostenibilità di livello nazionale, sono state conteggiate 15.000 persone. Il contatore è presente sul sito www.immaginiperlaterra.it che raccoglie anche il censimento delle pratiche sostenibili degli aderenti alla campagna, e fornisce idee su come concretizzare il proprio impegno a chiunque voglia partecipare.
Quest'anno il World Water Day è focalizzato sulle acque reflue: quelle in origine potabili che vengono reimmesse in Natura dopo aver servito utenze domestiche, agricole o industriali, troppo spesso senza essere adeguatamente depurate. Questo spreco mette in pericolo una risorsa vitale per l'uomo e per tutta la biosfera. Una revisione in ottica sostenibile del ciclo dell'acqua sembra essenziale per il nostro futuro, soprattutto in contesto urbano: è stato stimato che nel 2050 il 70% dell'umanità vivrà nelle aree urbane del pianeta, che così richiederanno molto più cibo e acqua rispetto ad oggi. Già molto prima però, nel 2030, si calcola che la domanda globale d'acqua aumenterà del 50%. Risulta evidente che l'appello alla razionalizzazione dell'utilizzo dell'acqua si impone, non solo a livello di privati e famiglie, ma anche di governi e istituzioni internazionali.

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014