24 Novembre 2015
Redazione
CAMBIAMENTO CLIMATICO
24 Novembre 2015
Redazione

29 novembre: il mondo in marcia per il Clima. A Roma si parte da Campo dei Fiori

A Roma anche un concerto, sul palco Dolcenera, Bandabardò, Piotta e tanti altri artisti

Mancano ormai pochi giorni all’apertura della COP21 di Parigi sui cambiamenti climatici, appuntamento determinante per il futuro del Pianeta.
Mentre governi di oltre 190 paesi si preparano all’incontro, cittadini di tutto il mondo si mobilitano per chiedere ai propri rappresentanti che a Parigi si stringa un accordo ambizioso e in grado di assicurare un futuro giusto e sostenibile per tutto il pianeta.
Il 29 novembre, prima dell’apertura delle negoziazioni, cittadini da San Paolo a Nuova Delhi, passando per Kampala, Melbourne, Ottawa e Tokyo scenderanno a migliaia in piazza in oltre 2000 eventi in più di 150 paesi.

In marcia per il clima, anche a nome dei cittadini di Parigi che non potranno manifestare dal momento che il governo francese ha proibito la manifestazione dopo i tragici attentati dello scorso 13 novembre.
“Marciate anche per noi”, e in solidarietà con tutti coloro che in diversi paesi del mondo sono stati colpiti da attentati terroristici, è l’appello che viene da Parigi.

A questo appello la Coalizione Italiana per il Clima risponde con una manifestazione nazionale per il clima e per la pace che a Roma partirà alle ore 14 da Campo de Fiori e si concluderà in via dei Fori imperiali con un grande concerto alle 17, sul palco Bandabardò, Dolcenera, Piotta, Meganoidi, Têtes de Bois,  Kutzo, Sandro Joyeaux e molti altri, presenteranno Massimo Cirri e Sara Zambotti.

"Il 29 Novembre scenderà in piazza l'Italia responsabile che chiede alla COP21 di definire un nuovo piano globale per arrestare i cambiamenti climatici, l'Italia che vuole cambiare modello di sviluppo per abbattere le emissioni di gas serra, l'Italia buona che è convinta che occuparsi di clima significa preoccuparsi della stabilità globale sociale, non solo ambientale. - dichiara Roberta Cafarotti, direttore scientifico di Earth Day Italia -  Ognuno deve fare la sua parte, nessuno escluso. Il clima è un bene comune di tutti e per tutti, come tante volte ci ha ripetuto Papa Francesco.
Earth Day Italia ha aderito alla Coalizione per il Clima sentendosi parte di questo grande movimento pieno di idee e voglia di cooperare, espressione di un nuovo modo di incidere sul nostro futuro. Il giorno della Marcia diventa un momento per stare insieme, ognuno con la propria identità, ma con un obiettivo comune, perchè insieme è meglio!"

Per approfondire visita il sito della coalizione clima

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014