CAMBIAMENTO CLIMATICO
19 Marzo 2018

Il futuro del pianeta è nelle mani di tutti

Roma Capitale, Carabinieri Forestali e Accademia Kronos chiamano a convegno in Campidoglio enti, associazioni e società civile per discutere di cambiamenti climatici e soluzioni partecipative.

Nel 2015 c’è stata la presa di coscienza definitiva dei governi del mondo che è urgente contrastare l’aumento della temperatura globale. Se è vero che gran parte della soluzione ai problemi ambientali è in carico a quegli stessi governi, che attraverso gli accordi e le agende devono mettere in pratica gli impegni presi, è altrettanto chiaro che anche la società, e i singoli cittadini, devono fare la loro parte. Non basterà sostituire materiali e tecnologie inquinanti con altri ecologici se anche i miliardi di uomini e donne del pianeta, ognuno nel proprio quotidiano, non cambieranno abitudini di consumo e riciclo. In gioco c’è il futuro di tutti. Mercoledì 21 marzo, il Campidoglio a Roma sarà sede di un convegno, “Difendiamo il futuro”, che partirà da queste premesse (qui il programma).

Alla giornata di studi sono invitati politici, manager pubblici e privati, associazioni, comunicatori, ma anche privati cittadini, per riflettere sui problemi legati al deterioramento dell’ambiente naturale e ai cambiamenti climatici. In particolare sono annunciati alcuni interventi specifici; Antonello Pasini, ricercatore del CNR, parlerà dell’evoluzione in atto nel clima terrestre; l’economista Antonino Galloni evidenzierà gli effetti di questi cambiamenti sull’economia; Gian Carlo Di Rienzo, segretario generale della Federazione Mondiale Ostetricia e Ginecologia, metterà in relazione il clima che cambia con la gestazione umana; il generale dei Carabinieri Forestali Davide De Laurentis relazionerà sullo stato di salute delle foreste italianeRiccardo Valentini, docente di Ecologia Forestale e membro dell’IPCC (il panel dell’ONU che si occupa di cambiamenti climatici) chiarirà la funzione delle foreste nel processo di assorbimento del biossido di carbonio e dei gas serra. Seguirà l’intervento di Anna Maria Fausto, prorettrice dell’Università della Tuscia, che analizzerà l’effetto collaterale dell’aumento degli insetti portatori di patologie nei confronti di esseri umani e animali. Ci sarà spazio anche per una tavola rotonda, moderata dal giornalista Marco Gisotti, che vedrà riuniti rappresentanti di enti e associazioni: Marco Ricceri per Eurispes, Antonio Disi di ENEA, Roberto Zuccolini per la Comunità di Sant’EgidioVittorio Baldi della Coalizione Clima.

In apertura sono previsti ,tra gli altri, gli interventi dell’assessora di Roma Capitale alla Sostenibilità Ambientale, Giuseppina Montanari, e del presidente della Commissione Ambiente, Daniele Diaco. Il Comune è infatti promotore di questo incontro, insieme ad Accademia Kronos, la più longeva associazione ambientalista italiana, attiva dal 1968, che sarà rappresentata dal presidente Franco Floris, e al Corpo dei Carabinieri Forestali per il quale sarà presente il comandante gen. Antonio Ricciardi.

Nell’occasione saranno presentati anche il premio internazionale “We Are Doing Our Part” e la campagna di sensibilizzazione “Madre Terra: io faccio la mia parte” che può vantare già alcuni testimonial di rilievo. Mercoledì saranno infatti proiettati due spot di adesione alla campagna con i calciatori del Genoa e della Sampdoria che superano così la storica rivalità cittadina nel nome di una giusta causa. Durante la giornata l’appello all’impegno personale sarà lanciato anche da Paolo Conti, firma del Corriere della Sera, e da Benedetta Rinaldi, conduttrice di UnoMattina. La campagna è focalizzata su alcuni temi concreti: la progressiva riduzione, con la prospettiva della totale eliminazione, dei materiali plastici dalle confezioni dei prodotti alimentari e commerciali in genere; il consumo sostenibile in generale, che sarà oggetto di una campagna a parte; e il tema dell’acqua come bene comune. Per quest’ultimo argomento Tiziana Rocca presenterà un progetto artistico curato dalla sua agenzia di comunicazione:  un complesso scultoreo intitolato “The Droplet” (“la goccia”); si tratta dell’anticipazione di un’opera che sarà esposta tra un anno in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, nel marzo del 2019.

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014