3 Dicembre 2015
Redazione
CAMBIAMENTO CLIMATICO
3 Dicembre 2015
Redazione

La COP21 parte lenta


La conferenza sul clima di Parigi è iniziata con qualche impedimento procedurale. Si lavora agli impegni per ridurre le emissioni di CO2 che i governi dovranno approvare entro l'11 dicembre.

Precedute dall'inaugurazione del 30 novembre, con le dichiarazioni dei capi di stato, il 1 dicembre sono iniziate le riunioni della COP21, la Conferenza delle Parti di Parigi che, sotto l'egida dell'ONU, riunisce intorno a un tavolo le nazioni del pianeta per affrontare il problema dei cambiamenti climatici.

Lo scopo è vincolare tutti i paesi a un accordo condiviso che preveda misure a breve e lungo termine per contrastare i cambiamenti climatici.
La conferenza è presieduta dalla Francia, nella persona di Laurent Fabius, ministro degli esteri, coadiuvato da due co-presidenti operativi: l’algerino Ahmed Djoghlaf e lo statunitense Daniel Reifsnyde.

Alla fine la COP21 dovrà produrre due documenti: il "Protocollo" che riassumerà le misure generali e gli obiettivi a lungo termine, e la "COP Decision" che indicherà le misure più specifiche da intraprendere e i provvedimenti a breve termine.
Durante questa prima settimana i 196 rappresentanti nazionali discutono e approvano i paragrafi dei testi da presentare poi, entro sabato 5, alla Presidenza. Non si tratta in realtà di un unico negoziato ma di diversi tavoli tematici denominati: "Mitigazione", "Adattamento", "Finanza", "Trasparenza delle azioni" e "Global stocktake".

Secondo i rapporti degli osservatori dell'Italian Climate Network non sono mancati fin dall'inizio problemi procedurali: ad esempio sulla possibilità dei singoli paesi di inserire aggiunte al testo in discussione, o sull'opportunità di istituire un nuovo organismo che prepari l'entrata in vigore dell'accordo. Sono questioni forse poco interessanti per il grande pubblico ma influenti sull'equilibrio di interessi intorno a quest'accordo, e dunque si rischiano impasse e ritardi nei lavori.

L'iniziale lentezza dei lavori è già stata rimarcata anche dal presidente Fabius che ha richiamato pubblicamente i delegati a un maggior impegno per produrre risultati concreti entro il tempo a disposizione.

Sembrano procedere più spediti i lavori per approvare i paragrafi relativi agli impegni dei singoli stati per diminuire le proprie emissioni di CO2 nei prossimi anni: i cosiddetti INDC Intended Nationally Determined Contributions. Si tratta in pratica delle promesse dei vari governi di provvedimenti per raggiungere l'obiettivo dichiarato per questo secolo: mantenere l'aumento del riscaldamento globale sotto i due gradi centigradi.

Purtroppo è stato stimato che la somma di questi impegni nazionali non sarà comunque sufficiente a conseguire quest'obiettivo. La soluzione a questo problema potrebbe essere un accordo, che esca sempre da questa conferenza di Parigi, che preveda l'aggiornamento periodico, ogni cinque anni, dei contributi nazionali.


Chiusa questa prima fase, da domenica 6 entreranno in gioco i ministri degli esteri e dell'ambiente dei vari paesi (o i loro incaricati) per discutere il testo prodotto dai tavoli negoziali.

La COP21 si chiuderà l'11 dicembre,  ci si augura, con l'adozione condivisa del nuovo accordo sul clima.

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014