19 Gennaio 2017
Gabriele Renzi
CAMBIAMENTO CLIMATICO
19 Gennaio 2017
Gabriele Renzi

La febbre del pianeta continua a salire. 2016 anno più caldo di sempre

Per il terzo anno consecutivo le temperature media globali fanno registrare un record al rialzo. + 0,99° rispetto alla media del 20° secolo.

È il 2016 l’anno più caldo della storia, almeno fino a quando non sarà concluso il 2017.
Già perchè quella in corso sembra una serie aperta verso record di temperature al rialzo; il 2016 è infatti l’anno più caldo degli ultimi 137 (cioè da quando sono iniziate le rilevazioni meteo), ma la stessa cosa era stata già rilevata per il 2015 e ancora prima nel 2014.
Per il terzo anno consecutivo, dunque, il termometro del pianeta tocca livelli di febbre mai osservati prima. Ad annunciarlo congiuntamente le agenzie staunitensi della NASA (Ente Nazionale per le attività Spaziali e Aeronautiche) e della NOAA (Amministrazione Nazionale Oceanica ed Atmosferica).
Nel 2016 le temperature medie globali sono salite di 0,99°C  rispetto alla media del 20° secolo (+1,1° rispetto ai primissimi anni di rilevazione a fine ‘800).

 
“Il 2016 è il terzo anno più caldo di fila nelle nostre serie storiche – ha commentato Gavin Schmidt, direttore del Goddard Institute, l’istituto della Nasa che monitora e studia il clima – Non ci aspettiamo annate record ogni anno, ma l’attuale tendenza verso l’alto del riscaldamento globale è molto chiara”.
 
Gli scienziati sono preoccupati, e non è un caso che l’annuncio congiunto sia stato dato nel bel mezzo delle audizioni al Senato USA per la conferma dei candidati al gabinetto del presidente Trump, alcuni dei quali hanno espresso dubbi, come lo stesso Trump del resto, in merito all’attendibilità della scienza del clima e mostrato scetticismo nei confronti del problema del cambiamento climatico.
Il rischio è ovviamente quello che gli Stati Uniti possano diminuire, se non disattendere completamente, gli impesi presi a COP 21 per contrastare il riscaldamento globale e mantenere l’aumento di temperatura sotto la soglia del grado  mezzo entro fine secolo, obbiettivo già molto sfidante con gli USA a bordo.
“Non è ancora chiaro quando si potrebbe effettivamente raggiungere la soglia di +1,5 ° C – ha continuato Schmidt – dipende da quanto velocemente i paesi agiranno per limitare le loro emissioni, ma siamo più vicini di quanto vorremmo essere"
 
Secondo la NASA le temperature 2016 sono salite di 0,99° rispetto alla media 1951-1980 mentre la NOAA parla di un + 0,94° e di un +0,04° rispetto al 2015.
I dati non sono completamente omogenei anche a causa delle diverse modalità di elaborazione degli stessi e dei diversi periodi che vengono utilizzati per il confronto, ma evidenziano una tendenza preoccupante quanto inconfutabile.
 
"Le rilevazioni catturano lo stesso segnale a lungo termine, un segnale abbastanza inequivocabile. Si tratta della stessa canzone, cantata utilizzando note diverse” - ha commentato con una metafora musicale Deke Arndt del National Centers for Environmental Information.
Una canzone ormai banale e ripetitiva come dimostra anche il fatto che dei 17 anni più caldi mai registrati, 16 si sono verificati nel 21° secolo, unica eccezione è costituita dal 1998 quando El Niño fece registrare performance eccezionali.

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014