16 Gennaio 2015
Diego De Cicco
CITTÀ E TRASPORTI
16 Gennaio 2015
Diego De Cicco

Moto e scooter elettrici: tutti i vantaggi

Passare alle due ruote elettriche conviene sia economicamente che a livello ambientale, anche se i costi e l’accesso alle colonnine restano problematici

Dalla rubrica Smart City realizzata in collaborazione con ToDay.it

Nelle nostre città è sempre più spesso considerato il nemico numero uno. Stiamo ovviamente parlando del traffico. Macchine, bus, camion e motorini quotidianamente generano ingorghi, caos, inquinamento e stress in tutti coloro che compiono i loro spostamenti quotidiani. Tra tutti i mezzi quelli a due ruote sono i veicoli che vanno per la maggiore essendo maneggevoli e più facilmente parcheggiabili delle auto. Anche su questi la tecnologia degli ultimi anni ha sviluppato dei motori elettrici, creando un nuovo mercato che sembra essere in ascesa nel nostro Paese.

Come funzionano? Innanzitutto quando si parla di scooter o moto, ci si riferisce a tutti i veicoli a due-tre ruote, a motore presenti sulle nostre strade. L’elemento caratterizzante di quelli elettrici è la presenza di batterie ricaricabili che vanno a sostituire il classico motore a combustione. I primi modelli di questo genere montavano dei motori a corrente alternata, soluzione ora superata dall’utilizzo di motori “bruschless” che, oltre a permettere prestazioni migliori, riescono a rendere i mezzi molto più maneggevoli, praticamente azzerando anche il rumore generato, a tutto vantaggio dell’inquinamento acustico.

Quali sono i vantaggi di uno scooter o di una moto elettrica? I vantaggi sono sia economici che ovviamente ambientali. Per quanto riguarda quelli economici, in primis c’è da sapere che il possessore di uno scooter elettrico è esente dal pagamento del bollo per 5 anni, e in molti casi può avere uno sconto sull’assicurazione RC addirittura del 50%. Molte compagnie assicuratrici sensibili all’ambiente, calcolano il premio della polizza assicurativa RC esattamente con gli stessi canoni di un mezzo tradizionale, per poi decurtare il prezzo finale in alcuni casi addirittura della metà. Sempre dal punto di vista economico scompare il prezzo della benzina, in quanto la batteria può essere ricaricata direttamente alla rete elettrica domestica e sempre più comuni stanno aumentando il numero delle colonnine di ricarica dalle quali è possibile rifornirsi gratuitamente. Molte batterie inoltre sono estraibili, fatto che permette di collegarle direttamente alle prese tradizionali presenti in casa o in ufficio. La loro ricarica completa, in media ha costo di 1 euro, con un’autonomia di circa 90 chilometri. Le moto elettriche inoltre hanno piena accessibilità a tutte le ZTL di ogni città. Altro vantaggio importante sono tutte le spese accessorie che richiede un motore a benzina che con quello elettrico non esistono: manutenzione dei cilindri, delle valvole, del carburatore, senza dimenticare l’odiatissimo cambio d’olio.

Gli svantaggi economici sono dati dai prezzi, ancora più alti rispetto ad un pari categoria a motore tradizionale, oltre all’autonomia. La ricarica della batteria inoltre avviene in tempi molto più lunghi rispetto ad un rifornimento di benzina, anche se i nuovi modelli stanno abbattendo il tempo di ricarica che però non è ancora inferiore all’ora. Altro problema è la scarsa presenza di colonnine di ricarica nelle diverse città italiane.
Per quanto riguarda l’ambiente si registrano solo vantaggi. Rispetto a uno scooter a motore tradizionale quello elettrico non ha alcun impatto ambientale, se si esclude la CO2 prodotta dalla fonte della ricarica e, come già accennato, l’impatto sull’inquinamento acustico è bassissimo essendo questi motori ultrasilenziosi.

LEGGI L’ARTICOLO SU TODAY

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014