4 Dicembre 2017
Fabrizio Cavallina
CUSTODIRE IL CREATO
4 Dicembre 2017
Fabrizio Cavallina

L’isola che (questa volta) c’è

All’Isola della Sostenibilità per tre giorni le nuove generazioni nel mondo dello sviluppo sostenibile: in 9000 a dibattiti e laboratori su sprechi, energie rinnovabili ed economia circolare  

Si è conclusa la quarta edizione dell’Isola della Sostenibilità, l’evento che ha guidato, dal 30 Novembre al 2 Dicembre, famiglie e studenti alle tematiche dell’economia circolare e dello sviluppo sostenibile. Tre giorni caratterizzati da incontri e attività promosse dalle istituzioni allo scopo di educare e indirizzare i giovani verso una visione del futuro attenta al nostro pianeta e all’ambiente. Attraverso tavoli di lavoro e laboratori sono stati affrontati – da ragazzi e studenti di ogni grado – proprio quattro tra i 17 Sustainable Development Goals dell’Agenda 2030: in particolare sconfiggere la fame nel mondo attraverso un’agricoltura sostenibile, garantire energia rinnovabile per tutti, promuovere l’inclusione sociale e lavoro, assicurare produzione e consumo responsabili.

L’Isola – promossa da Enea, Università Roma Tre, Crea, Cnr, Università la Sapienza – si è svolta presso il Dipartimento di Architettura di Roma Tre e in tre giorni ha coinvolto circa 9000 persone, tra cui 7000 studenti. Un “successo”, come afferma Valerio Giannubilo, responsabile dell’evento, poiché l’idea da cui è scaturita la manifestazione è stata, sin dalla sua prima edizione, quella di “promuovere condotte virtuose nei confronti soprattutto delle nuove generazioni”. Hanno partecipato con un proprio stand, tra gli altri, la Commissione Europea, il Ministero dell’Ambiente con il suo progetto Airpack e la Regione Lazio.

Non sono mancati, momenti di confronto e dibattito mediante gli incontri pomeridiani ai quali hanno preso parte esponenti anche del mondo della ricerca, dell’industria e dell'associazionismo. Gli incontri, inoltre, sono stati affiancati da venti laboratori pratici in cui bambini e ragazzi hanno potuto confrontarsi con i temi dello spreco alimentare, della raccolta differenziata e delle energie rinnovabili. Significativa in tal senso la partecipazione dell’Agenzia Spaziale Italiana che ha istituito una vera e propria area funzionale con un Planetario Digitale, un Parco delle Energie Rinnovabili e una Space Zone. La manifestazione nella parte finale del sabato ha visto la premiazione per il concorso: "Agricoltura 2.0 per lo sviluppo sostenibile” diretto agli Istituti agrari del Lazio: 3 i progetti vincitori su 14 presentati.

Nella cerimonia di chiusura, Valerio Rossi Albertini, fisico del CNR e testimonial dell’evento, ha sottolineato l’importanza dell’Isola per giovani e famiglie poiché “la sostenibilità è una sfida in cui possono esserci solo vincitori: l’ambiente, la salute e le nostre tasche, considerato che l’economia circolare è quella che oggi  in prospettiva genera nuove opportunità commerciali e crea nuovi posti di lavoro”.  

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014