29 Settembre 2015
Diego De Cicco
ECOSISTEMI E BIODIVERSITÀ
29 Settembre 2015
Diego De Cicco

Ai rinoceronti sono rimasti solo 28 anni

Attualmente ci sono appena poche decine di migliaia di esemplari, mentre il bracconaggio è in aumento del 400%. Un progetto italiano cerca di formare nuovi rangers.

I dati parlano chiaro: se si continua di questo passo in 28 anni i rinoceronti saranno estinti. I trend sono sempre in discesa con appena 20.500 esemplari di rinoceronte bianco e poco meno di 5.000 rinoceronti neri attualmente in vita. Secondo il Direttore zoologico del Bioparco ZOOM di Torino nel mondo ogni 7 ore viene ucciso un rinoceronte, facendo capire bene di chi, ancora una volta, sia la colpa di questo ennesimo reato contro la biodiversità.

La caccia illegale genera introiti da capogiro, basta pensare che solo il traffico d’armi, quello della droga e degli essere umani sono gli illeciti più redditizi. Obiettivo dei bracconieri senza scrupoli, quasi sempre al soldo di ricchi committenti, sono i corni dei rinoceronti per i quali il valore raggiunge addirittura i 90 mila dollari al chilo. Il corno del pachiderma, non solo è uno considerato un simbolo di potere, ma è ancora usato dalla medicina tradizionale asiatica per scopi terapeutici pure non avendo nessun avvallo medico scientifico.

Essendo dunque la caccia il motivo principale che potrebbe causare la scomparsa di uno degli animali più affascinanti presenti sul nostro pianeta, fondamentale e unica forma di tutela è il controllo e la prevenzione che i  Paesi che hanno la fortuna di ospitare gli esemplari rimasti devono mettere in campo. Il monitoraggio degli animali e la preparazione di corpi antibracconaggio diventano fondamentali, ma purtroppo come ha mostrato il recente caso dell’uccisione del leone leone Cecil, simbolo dello Zimbabwe, spesso i ranger cedono ai tentativi di corruzione. La  capacità dei diversi Stati di proteggere i rinoceronti appare dunque l’unico baluardo possibile nel fermare quest’ennesima estinzione.

Tra i progetti in campo per cercare di tutelare questi pachidermi vi è “Operazione Rhino” del  Bioparco ZOOM Torino e supportato dall’Associazione AIEA e dall’Ente Nazionale del turismo della Namibia. Come riportato da Ansa.it, il progetto raccoglie dei fondi per addestrare i ranger  antibracconaggio in Namibia, dove solo nell’ultimo anno si è registrato un incremento del 400% di rinoceronti cacciati.

**
 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014