10 Maggio 2013
Redazione
ECOSISTEMI E BIODIVERSITÀ
10 Maggio 2013
Redazione

Ecosistemi in pericolo: arriva la Lista Rossa

Redatto un censimento che individua le zone in pericolo del nostro pianeta

Che gli ecosistemi siano in pericolo non è una novità, ed è anche ben documentato. Alcuni scienziati australiani, infatti, stanno mettendo a punto una lista che definisce lo stato dell’arte dei nostri ecosistemi: la Red List degli ecosistemi. E ovviamente i dati trapelati non sono per nulla confortanti. Questo report globale, fatto in collaborazione con l'ente affiliato all'Onu, l'Unione Internazionale per la conservazione della natura (Iucn), mette a punto una graduatoria: la 'lista rossa' di ecosistemi “criticamente in pericolo”, seguiti dai “vulnerabili in pericolo” e dai “quasi minacciati”. Invece dell'estinzione, come per gli animali, si dichiara infine il 'collasso' di un ecosistema.

Per ora sono stati studiati venti ecosistemi e si ipotizza di completare questo censimento entro il 2025. Tra tutti i venti biosistemi analizzati, è stato dichiarato il collasso del lago d'Aral in Asia centrale, una volta fra i più estesi del mondo ma oramai quasi prosciugato a causa dell’irrigazione negli anni '60 e ora quasi scomparso, con la morte di molte specie di pesci e l'emersione di sali tossici e di distese di polvere. La lista rossa prosegue e non risparmia nemmeno l'Australia dove vengono identificati otto ecosistemi a rischio, fra cui le terre umide presso la foce del fiume Murray, il più lungo del continente.

L’obiettivo della Lista Rossa è quello di avere sempre più informazioni riguardo i vari ambienti e degli animali e piante che vi abitano per fare in modo, un giorno non troppo lontano, di riuscire a salvarne il maggior numero. Come spiega, infatti, il principale responsabile della ricerca, David Keith dell'Università del Nuovo Galles del sud, sulla rivista PLoS ONE, ci troviamo ''in un periodo di perdita senza precedenti di biodiversità''.

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014