30 Ottobre 2017
Fabrizio Cavallina
GREEN ECONOMY
30 Ottobre 2017
Fabrizio Cavallina

Green economy popolare fra gli italiani, non molto fra i politici

Il 58% degli italiani afferma di essere ben informato sulla green economy, nonostante i politici non ne parlino abbastanza. Per 9 italiani su 10 una svolta sostenibile può essere un driver di sviluppo locale

Se da una parte gli italiani si dimostrano informati sulla green economy e la considerano una spinta di sviluppo possibile, dall’altra la politica sembra ignorare il tema. E’ l’immagine di un paese conscio dell’importanza di approdare ad un sistema economico sostenibile ma che non trova riscontro nelle stanze delle istituzioni che dovrebbero rappresentarlo. Infatti, soltanto il 3% delle dichiarazioni dei principali leader politici ai 7 TG nazionali, tra gennaio e luglio, ha riguardato i temi della green economy. Argomenti come l’energia rinnovabile, i cambiamenti climatici, l’economia circolare, la mobilità sostenibile e l’agricoltura di qualità ecologica hanno perciò riservato uno spazio ristrettissimo nel dibattito pubblico, quasi nullo. L’attuale Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha riservato ai temi green il 7% delle sue dichiarazioni, una percentuale relativamente bassa ma che spiccaal confronto con gli altri leader: Renzi si attesta all’1% mentre Bersani, Meloni, Berlusconi, Salvini e Di Maio non ne hanno mai trattato. Le materie preferite sono state invece politica interna (35%), immigrazione (16%) ed economia (13%).

Una mancanza che stona con l’alta considerazione che i cittadini riservano alla green economy: 9 italiani su 10, infatti, affermano di ritenerla un driver di sviluppo locale mentre misure e prevenzioni green ottengono un riscontro molto positivo su diversi fronti. Interventi sul cambiamento climatico e sulle energie rinnovabili incontrano un consenso superiore al 90%; il 64% degli italiani è d’accordo sull’utilizzo di energie completamente rinnovabili anche se dovessero costare di più, così come 7 intervistati su 10 preferirebbero maggiore reperibilità di prodotti ecologici anche se dovessero pagare il 10% in più di quanto spendono attualmente. Altra tematica centrale per i cittadini è la mobilità sostenibile: il 90% la ritiene di primaria importanza. Gode di ampia popolarità la mobilità ciclistica mentre il divieto di vendere auto a gasolio e benzina entro 10 anni ha un consenso del 77%.

I numeri evidenziati emergono dagli studi di due ricerche realizzate per la Fondazione di Sviluppo Sostenibile. “Le parole dei leader nei Tg prime time e su twitter e i temi di green economy” è stata redatta dell’OSA-Osservatorio Sviluppo Sostenibile e Ambiente nei Media, mentre “La green economy nelle città” è stata sviluppata da Demetra Opinioni e si tratta di un sondaggio che verrà presentato agli Stati Generali della Green Economy 2017, a Rimini nell’ambito della fiera sulla green economy Ecomondo il 7-8 novembre prossimi. Un appuntamento fondamentale che avrà al centro del proprio dibattito un “Programma per la transizione alla green economy” proposto dal Consiglio nazionale per la Green Economy in vista delle prossime elezioni politiche.  

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014