15 Novembre 2013
GREEN ECONOMY
15 Novembre 2013

L’amore per l’ambiente fa il miracolo: gli italiani stringono un Green New Deal

Dal blog di formiche.net l'ultimo post di Pierluigi Sassi, Presidente di Earth Day Italia

Sono tornato dall’Ecomondo a Rimini dove si sono tenuti gli Stati Generali della Green Economy e ho respirato aria nuova.

Dieci gruppi di lavoro, 66 organizzazioni di imprese, 350 esperti, oltre 2.000 partecipanti, tutti con l’obiettivo comune di creare una nuova economia circolare che produca valore per l’ambiente e la società, una piattaforma programmatica per lo sviluppo della Green Economy in Italia che ha proposto un pacchetto di dieci misure necessarie per lo sviluppo sostenibile del Bel Paese ed una road map articolata e intelligente sulla rotta da seguire.

Questo è accaduto in un paese spezzato in due, da una parte la classe politica autoreferenziale e avviluppata su se stessa, dall’altra le imprese e i cittadini che osservano attoniti l’inerzia e cercano di resistere alla crisi.

Gli Stati Generali hanno rischiarato il panorama fosco della doppia crisi ambientale ed economica, ma il loro reale valore risiede soprattutto nell’aver spezzato la consuetudine dell’individualismo creativo italiano, che  è vero, ha prodotto eccellenze uniche al mondo,  nel passato, ma nel mondo globale sta frenando qualsiasi passo in avanti verso il futuro. Un nuovo patto apartitico, pur se fortemente politico, pragmatico, ma non ideologico. Un sano esercizio di intelligenza collettiva.

Chi avrebbe detto che accanto a diverse associazioni del mondo di Confidustria si sedessero le rappresentanze delle piccole imprese e degli artigiani? Chi avrebbe scommesso su un patto che accomuna tutte le sigle del mondo agricolo e agroindustriale? Anche i consorzi hanno dimenticato rivalità interne ed esterne  unendosi su un intento comune: costruirsi un futuro. Insomma un vero Green New Deal del mondo economico e produttivo italiano.

Ovviamente se si parla di Green Economy, le imprese rappresentano il cuore pulsante del nuovo patto, ma per consolidare quest’alleanza manca ancora un po’ di società civile. Occorre innovazione sociale insieme ad innovazione ambientale.

Ma il percorso è lungo e sono sicuro che ci sarà occasione per includerla maggiormente. Earth Day Italia al riguardo continua il suo percorso per un Rinascimento Verde che rimetta al centro l’Uomo, con l’economia al suo servizio.

 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014