Direttiva plastica e Parco del Tevere 30.7.2019

29 Luglio 2019

Una direttiva europea dello scorso marzo ha stabilito il bando per alcune plastiche monouso dal 2021. In apertura di trasmissione approfondiamo le conseguenze per l'industria italiana con l'intervista al Presidente del Consorzio di Recupero della Plastica. Nella seconda parte parliamo della storia, delle criticità e delle ricchezze naturali del Tevere, all'indomani di un convegno in cui diverse personalità, amministratori e istituzioni hanno proposto l'istituzione di un parco nazionale lungo tutto il corso del fiume.

Intervengono

- Antonello Ciotti, presidente del Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Plastica

- Erasmo D'Angelis, Segretario Generale dell’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Centrale

Ecosistema del 30 luglio 2019

Una direttiva europea dello scorso marzo ha stabilito il bando per alcune plastiche monouso dal 2021. In apertura di trasmissione approfondiamo le conseguenze per l'industria italiana con l'intervista al Presidente del Consorzio di Recupero della Plastica. Nella seconda parte parliamo della storia, delle criticità e delle ricchezze naturali del Tevere, all'indomani di un convegno in cui diverse personalità, amministratori e istituzioni hanno proposto l'istituzione di un parco nazionale lungo tutto il corso del fiume.

Intervengono

Antonello Ciotti, presidente del Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Plastica

Erasmo D'Angelis, Segretario Generale dell’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Centrale

Intervista ad Erasmo D'Angelis del 30 luglio 2019

Il Segretario Generale dell’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Centrale illustra la proposta di istituire un parco nazionale lungo tutto il corso del fiume Tevere.

Intervista ad Antonello Ciotti del 30 luglio 2019

Il Presidente del COREPLA critica gli effetti della direttiva europea che mette al bando alcune plastiche monouso dal 2021, evidenziando alcune possibili conseguenze negative per il riciclo dell materiale e per le imprese italiane che producono materie plastiche.

 

Ultime trasmissioni

  • Locuste e spreco di cibo
    Questa puntata di Ecosistema è dedicata all'importanza della filiera del cibo e alle soluzioni per evitarne lo spreco. Nella prima intervista, raccogliamo l'allarme diramato dalla FAO per la devastante invasione di locuste che sta imperversando nel corno d'Africa. Per approfondire le cause e le possibili conseguenze di questo fenomeno che mette in pericolo i raccolti di paesi in crisi, abbiamo raggiunto telefonicamente un esperto della FAO impegnato in questo periodo sul campo. Nella seconda parte del programma raccontiamo un a buona pratica nella lotta allo spreco di cibo: in Puglia è attiva la piattaforma Avanzi Popolo 2.0 che mette in contatto chi ha alimenti prossimi alla scadenza (ristoranti, negozi, supermercati e privati cittadini) con chi lo distribuisce ai bisognosi (associazioni, convitti e volontari).
  • Popoli indigeni e chimica verde 11.02.2020
    Survival International denuncia gli omicidi degli attivisti dei popoli indigeni in Brasile, e le violenze agli scolari delle factory school in India. In Sudamerica e in Asia i popoli originari sono minacciati da compagnie minerarie, petrolifere e dall'agribusiness che mirano ai loro territori. I governi nazionali sembrano sordi o cointeressati a queste politiche che non rispettano i diritti umani. Nella seconda parte della puntata una nuova divisione del CNR chiama a convegno a Milano l'industria chimica italiana per promuovere la "chimica verde": nuove procedure e materie prime vegetali per rendere più sostenibile anche quest'industria cruciale.
  • Green deal e tratta della persone 04.02.2020
    Su Ecosistema si affronta il green new deal europeo, il piano di investimenti annunciato da Ursula Von der Leyen per dare un decisivo impulso allo sviluppo sostenibile dell'Europa e farne un continente a emissioni zero entro il 2050. Elisa Giannelli, ricercatrice E3G, ne illustra le caratteristiche principali.
    Il secondo argomento di giornata è costituito dalla tratta di persone, che ancora riguarda 40 milioni di persone nel globo, soprattutto donne e bambini. Suor Gabriella Bottani, coordinatrice internazionale di Talitha Kum, analizza il fenomeno e presenta la Giornata Mondiale di Preghiera che Papa Francesco ha istituito per riflettere su questa piaga.
  • Emergenze sanitarie e bracconaggio 28.01.2020
    Il primo tema della puntata è quello delle emergenze sanitarie più urgenti del pianeta, segnalate da Medici Senza Frontiere. Si tratta di malattie e virus in realtà ben noti e curabili: morbillo, polmonite, tubercolosi, ebola, HIV. In molti casi vaccini e farmaci sono disponibili ma costosi per i paesi e le persone che più ne hanno bisogno. In altri casi sono le condizioni politiche locali a impedire vaccinazioni di massa e l'arrivo stesso dei soccorsi alle popolazioni. Nella seconda parte del programma raccontiamo la storia di Kate, giovane esemplare di avvoltoio capovaccaio, specie molto rara, trovato morto nella Sicilia occidentale, probabilmente per cause non naturali. Un esperto di rapaci minacciati ci parla dei pericoli che corrono questi maestosi uccelli nel periodo della migrazione verso l'Africa.

Archivio


 
 

Earth Day Srl. Copyright © 2014 - All rights reserved.
Registrazione Tribunale di Roma N.247 del 11/11/2014