Ride with us: da Venezia a Copenaghen in bici per dire basta elle emissioni di Co2

In occasione della presentazione a Copenaghen del rapporto di sintesi dell’IPCC , Daniele Pernigotti, biologo e consulente ambientale, ha intrapreso un viaggio in bici per sensibilizzare sull’importante problema dei cambiamenti climatici

Un biologo, un suo amico amante della bicicletta, un viaggio e un opportunità per mantenere alta l’attenzione verso il tema dei cambiamenti climatici. In una sola parola Ride with us, “Pedala con noi”. Si tratta di un progetto realizzato da Daniele Pernigotti, biologo e consulente ambientale, in collaborazione con il suo amico Claudio Bonato, grande appassionato di bicicletta. Ma di cosa si tratta nello specifico?

In occasione della presentazione a Copenaghen del rapporto di sintesi del panel intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), i due hanno deciso di intrapreso un viaggio ad impatto zero, partendo in bici da Venezia il 14 Ottobre per arrivare a Copenaghen il 30 Ottobre alla vigilia della presentazione del rapporto. L’obiettivo: sensibilizzare sull’importante tematica dei cambiamenti climatici. E ovviamente la scelta della bicicletta, il mezzo ecologico per antonomasia, non è stata causale: la mobilità sostenibile, infatti, è uno degli aspetti su cui maggiormente si sta lavorando per la lotta alle emissioni di Co2.

“Come capita spesso, l’idea è nata davanti una tazzina di caffè, ha spiegato questa mattina Pernigotti ai microfoni di Radio LatteMiele nel corso del programma VIP - Very Important Planet, realizzato in collaborazione con Earth Day Italia. “Con Claudio Bonato, un mio amico barista, grande appassionato di bicicletta, stavamo discutendo sul fatto che io, come giornalista, seguo spesso i temi del cambiamento climatico. Vista l’importanza, ho pensato di seguire anche la presentazione del rapporto dell’Ipcc, ha proseguito Pernigotti. “Questa volta, però, invece di andare in aereo, abbiamo pensato di dare più senso a questa evento raggiungendo il luogo di destinazione in sella ad una bicicletta.” (ASCOLTA LA PUNTATA)
In ognuno dei paesi attraversati, Pernigotti ha organizzato conferenze sul questo importantissimo tema per sensibilizzare più persone possibili sull’urgenza di invertire la rotta per evitare conseguenze potenzialmente catastrofiche per il Pianeta ma anche per noi. Perché di cambiamenti climatici bisogna parlarne sempre e non solo quando avvengono le grandi tragedie causate da eventi atmosferici estremi.

17 giorni in cui si sono percorsi quasi 2000 chilometri, 120 al giorno, e si sono attraversati 4 Paesi Italia Austria, Germania e Danimarca.

Ma il progetto non si conclude qui. “Questo è stato solo il prologo di una tappa ancora più importante che sarà Parigi, ha affermato Pernigotti a radio LatteMiele. “A dicembre 2015 a Parigi ci sarà la conferenza delle Nazioni Unite che dovrà decidere il nuovo patto sul clima. Dobbiamo quindi montare tutti in sella per fare pressioni su questo importante accordo”.