Ecologia integrale

COP28: Braccio di ferro sul testo finale

Dodicesimo giorno di COP28. Sconcerto a Dubai per il passo indietro sull’uscita dalle fonti fossili.

L’inviato italiano per il clima Francesco Corvaro non usa mezzi termini: «A Dubai siamo rimasti tutti sconcertati dall’ultima bozza di accordo». Proprio così, nessuno si aspettava un passo indietro tanto deciso da parte della presidenza rispetto al tema più importante della Conferenza: le fonti fossili.

Dopo una giornata di lavori elettrizzata dall’idea che potesse uscire dalla COP28 un risultato storico con la dichiarazione di tutti i paesi membri circa la volontà di uscire gradualmente dalle fonti fossili, è emersa invece una versione dell’accordo che fa fare al mondo un salto indietro di trent’anni, con il conseguente mal di pancia di tutti i 120 Paesi che si erano schierati con una determinazione senza precedenti per l’eliminazione, sia pure graduale ma prima o poi definitiva, di carbone, gas e petrolio…

Continua la lettura dell’articolo sul sito dell’Osservatore Romano

Articoli collegati

COP28: Ora il mondo ha uno strumento contro la crisi

Pierluigi Sassi

COP28: Le grandi assenti sono le imprese private

Pierluigi Sassi

COP28: Il malinteso (e il ricatto) dei finanziamenti

Pierluigi Sassi