Il predidente francese Macron arriva a Dubai - Foto COP28 / Andrea DiCenzo
Ecologia integrale

COP28: Non è un “green carpet”! Servono impegni concreti.

Secondo giorno della COP28. Troppi leader sfruttano la COP come passerella. Più concreto l’impegno dell’Unione Europea.

In un mondo normale [la COP28] dovrebbe rappresentare il giusto sprone per i politici a sentirsi giudicati dalla storia e a dare il meglio di sé nel tentativo, ormai 27 volte fallito, di definire un programma vincolante di dismissione delle fonti fossili di energia. In attesa che tutto questo avvenga però, l’occasione mediatica mondiale viene sfruttata dai leader politici per sfoggiare i propri impegni ambientali, lanciare suggestive proposte, quando non addirittura mettere in scena azioni politiche che ben poco hanno a che fare con la crisi climatica…

Continua la lettura dell’articolo sul sito dell’Osservatore Romano

Articoli collegati

COP28: Ora il mondo ha uno strumento contro la crisi

Pierluigi Sassi

COP28: Braccio di ferro sul testo finale

Pierluigi Sassi

COP28: Le grandi assenti sono le imprese private

Pierluigi Sassi