Sultan Al Jaber (EAU) Simon Stiell (UNFCC) e John Kerry (USA) alla plenaria di chiusura - Foto: COP28 / Mahmoud Khaled
Ecologia integrale

COP28: Ora il mondo ha uno strumento contro la crisi

Chiude la COP28. Francesco Corvaro, inviato speciale del Governo Italiano, commenta lo storico Patto di Dubai

«Il pacchetto approvato a COP28 è ambizioso e tiene conto di un processo di transizione giusta, ordinata ed equa, che peraltro riconosce alla tecnologia nucleare un valore strategico per il raggiungimento della neutralità climatica entro il 2050». Così l’inviato italiano per il clima Francesco Corvaro commenta a caldo la votazione appena avvenuta ad Expo City di quel Global Stocktake che tanto ha fatto tremare il mondo nelle ultime 24 ore.

Proprio quando la partita delle fonti fossili sembrava ormai persa, la presidenza di Sultan Ahmed Al Jaber è riuscita a far approvare dall’assemblea un testo che, per quanto di forte compromesso, segna un passo avanti storico nella lotta al cambiamento climatico…

Articoli collegati

COP28: Braccio di ferro sul testo finale

Pierluigi Sassi

COP28: Le grandi assenti sono le imprese private

Pierluigi Sassi

COP28: Il malinteso (e il ricatto) dei finanziamenti

Pierluigi Sassi