Protesta di Climate Action Network International a Expo City - Foto: COP28 / Andrea DiCenzo
Ecologia integrale

COP28: Scandali e lobby del fossile; trattative in stallo

Quinto giorno della COP28. Le trattative sul fondo Loss&Damage procedono a fatica. Presenza record di lobbisti del fossile.

L’inviato italiano per il clima Francesco Corvaro ci racconta di una Dubai monopolizzata dagli scandali. Dichiarazioni e controdichiarazioni del presidente di COP28 , Sultan Ahmed Al-Jaber, hanno di fatto portato ad uno stallo dei negoziati, già messi in grave difficoltà dalle complesse trattative sul fondo “Perdite e Danni” che non riescono proprio ad approdare a soluzioni condivise.

D’altro canto era facilmente prevedibile che in una COP caratterizzata da una presenza record di lobbisti del fossile, ogni occasione fosse buona per inasprire l’evidente conflitto tra chi vuole una rapida uscita dall’economia fossile e chi invece cerca di allontanare all’infinito la definizione di un accordo chiaro e vincolante sull’abbandono di carbone, gas e petrolio…

Continua la lettura dell’articolo sul sito dell’Osservatore Romano

Articoli collegati

COP28: Ora il mondo ha uno strumento contro la crisi

Pierluigi Sassi

COP28: Braccio di ferro sul testo finale

Pierluigi Sassi

COP28: Le grandi assenti sono le imprese private

Pierluigi Sassi