I capi di stato arrivati a Dubai per l'inaugurazione della Conferenza delle Parti - Foto: COP28 / Anthony Fleyhan
Ecologia integrale

COP28: Storico accordo sul fondo per i paesi poveri

Primo giorno della COP28. Dagli Emirati l’annuncio a sorpresa dell’accordo per finanziare il fondo Loss&Damage a favore dei paesi colpiti dalle calamità climatiche

La giornata inaugurale della Cop28 si è conclusa con una decisione importante attesa da tutti: rendere operativo il fondo Loss & Damage (ovvero Perdite e danni) destinato a risarcire i Paesi più poveri e vulnerabili del mondo dalle conseguenze dei cambiamenti climatici che meno di tutti hanno contribuito a generare. La nascita di questo fondo aveva monopolizzato la Cop27 in Egitto che si era conclusa con l’impegno a creare questo strumento finanziario e a definirne le spinose regole su chi deve pagare a chi. La decisione di ieri a Dubai non scioglie ancora questo nodo molto complicato, ma ha avuto almeno il merito di costituire il fondo; raccogliere le prime dichiarazioni di impegno a finanziarlo e soprattutto di mettere la questione delle perdite e dei danni su un binario parallelo rispetto agli altri grandi temi della Cop28, scongiurando così il rischio che questo argomento impedisca di prendere decisioni sulle fonti fossili che sono la vera grande questione da risolvere…

Continua la lettura dell’articolo sul sito dell’Osservatore Romano

Articoli collegati

COP28: Ora il mondo ha uno strumento contro la crisi

Pierluigi Sassi

COP28: Braccio di ferro sul testo finale

Pierluigi Sassi

COP28: Le grandi assenti sono le imprese private

Pierluigi Sassi