Educazione Vivere green

Turismo responsabile: “Pledge to our Keiki”

Kanu Hawaii lancia la campagna per assicurare un futuro sostenibile alle isole e per un turismo più rispettoso delle realtà locali.

Turismo responsabile: rispettare la natura e la cultura dei luoghi turistici. Evitare di impoverire la biodiversità dei paradisi naturali asportando piante, fiori, sabbie, conchiglie, radici e formazioni minerali da spiagge, foreste, acque interne e fondali marini. Lasciare i luoghi che ci hanno accolto per una vacanza più puliti di come li abbiamo trovati. Rispettare le culture e le usanze locali approcciando la popolazione con la cortesia, l’umiltà e la curiosità di chi viaggia per conoscere altre culture e non con la presunzione di giudicare o educare persone e comunità che hanno una storia diversa.

Earth Day Italia aderisce alla campagna “Pledge to our Keiki” dell’associazione Kanu Hawaii, che promuove il volontariato ambientale e l’educazione alla sostenibilità, diretta soprattutto ai bambini in età scolare. Il titolo della campagna si può tradurre appunto con “Impégnati per i nostri bambini”, e sottolinea come il futuro delle nuove generazioni delle comunità che abitano il celebre arcipelago del Pacifico, sia nelle mani e nei cuori anche dei milioni di persone che lo visitano in vacanza.

Kanu Hawaii – con cui Earth Day Italia ha stretto una collaborazione che porterà ad iniziative comuni anche durante il prossimo Earth Day, Giornata Mondiale della Terra, del prossimo 22 aprile – chiede ai visitatori delle Hawaii di sottoscrivere il seguente appello e di diffondere la campagna attraverso i social:

Dai nostri anziani abbiamo imparato che siamo parte dell’ambiente, non al di sopra di esso. La vita, le terre e le acque sono più che semplicemente ciò che ci circonda, sono la nostra famiglia.

Dai nostri figli impareremo che le Hawaii non sono ereditate dai nostri antenati ma prese in prestito dalle nostre generazioni future.

Quindi, quando vieni accolto qui, diventi parte di questa famiglia che è responsabile anche per noi e per la nostra isola natale. Proprio come noi, “nā keiki o ka ‘āina”, i figli delle Hawaii, ci impegniamo a prenderci cura di queste isole, vi chiediamo di prendere questo impegno con noi:

Per un luogo raro minacciato, dove ogni giorno viene introdotta una specie straniera distruttiva… Porterò solo ciò che è consentito e farò attenzione durante le mie esplorazioni.

Per una comunità isolana che definisce la ricchezza non in base a ciò che si possiede ma a ciò che viene condiviso… sarò rispettoso e non prenderò ciò che non è mio.

Per una cultura indigena che si è evoluta con queste isole, esistenze uniche e intrecciate tra loro… visiterò luoghi e pratiche sacre con la testa china e il cuore aperto.

Per questo luogo, patria dell’aloha, che in genere accoglie più visitatori che residenti… camminerò con leggerezza attraverso questa bellezza e farò in modo di lasciarla più pulita di come l’ho trovata.

Per un popolo hawaiano i cui antenati navigarono qui usando solo le stelle per guidarli alla ricerca di isole per vivere… imparerò dalle vostre tradizioni e sosterrò il vostro viaggio verso la sostenibilità.

Articoli collegati

Dalla parte dei cani

Tiziana Tuccillo Giuliano Giulianini

Apiterapia: la farmacia è nell’alveare

Giuliano Giulianini

Maria Rita Parsi: “Diamo strumenti ai giovani. La Scuola al centro”

Redazione