Manifestanti a Expo City - Foto: COP28 / Kiara Worth
Ecologia integrale

COP28: Il malinteso (e il ricatto) dei finanziamenti

Nono giorno di COP28. I negoziati riprendono dopo la presentazione della bozza d’accordo.

A Expo City i negoziati per il clima della COP28 di Dubai sono ripresi a pieno ritmo. Il meritato riposo della giornata di giovedì ha dato il tempo ai negoziatori di raccogliere le energie per il rush finale che si prospetta molto delicato. A raccontarci come stanno andando le cose è il direttore del ministero italiano dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Federica Fricano, da diversi anni capo negoziatore per l’Italia nelle Conferenze per il clima: «Il riposo ha consentito a tutte le delegazioni di assimilare le 27 pagine della bozza di accordo e valutare più serenamente le diverse opzioni sul tavolo. A questo punto le decisioni assumono una dimensione molto più politica e sono chiamati a scendere in campo i ministri competenti. Molte importanti questioni però resteranno aperte fino all’ultimo. Sarà infatti compito della presidenza di COP28 raccogliere le istanze di tutti per comprendere le forze in campo e arrivare ad una stesura del testo che metta davvero tutti d’accordo. Un compito non facile»….

Continua la lettura dell’articolo sul sito dell’Osservatore Romano

Articoli collegati

COP28: Ora il mondo ha uno strumento contro la crisi

Pierluigi Sassi

COP28: Braccio di ferro sul testo finale

Pierluigi Sassi

COP28: Le grandi assenti sono le imprese private

Pierluigi Sassi