Ecologia integrale

Dalla sofferenza può nascere un giardino

Don Francesco Fiorillo, fondatore della Fraternità di San Magno a Fondi, racconta la sua storia a Pierluigi Sassi, presidente di Earth Day Italia, sulle pagine de L’Osservatore Romano.

Quando la Francigena si apre al Tirreno correndo sotto ai monti Ausoni, si scorge un luogo dove cielo e terra sembrano toccarsi. Il Monastero di San Magno a Fondi fu edificato nel 522 per onorare il martire che cristianizzò i territori a sud di Roma. I saccheggi napoleonici lo consegnarono all’abbandono, ma dopo due secoli di oblio è tornato oggi a splendere, grazie ad una fraternità ispirata al “Cantico delle creature” e all’enciclica Laudato si’ […]
Qui accogliamo uomini e donne del nostro tempo, soprattutto persone in crisi, costrette a fare i conti con la vita. Rivolgiamo uno sguardo profondo alla persona, lasciandoci ispirare dall’amore per le creature di san Francesco e dalla concretezza di un Papa che pronuncia ogni giorno parole ormai dimenticate: tenerezza, misericordia, vicinanza […]
Per avere la libertà devi prima fare i conti con te stesso e accettare l’immensa sfida del perdono e dell’amore per il nemico […] Se non comprendi l’infelicità che ha generato il male non potrai perdonarlo […]
La nostra non è un’esperienza di comunità ma di fraternità dove chiunque può entrare, dormire, mangiare. Persone di ogni credo e di ogni dove trovano qui un luogo di libertà dove nessuno li giudica, nel quale affrontare un tratto di vita sulle antiche vie del pensiero, del lavoro e della preghiera […]
Come possiamo di essere sani in un mondo malato? […] La Terra può ancora essere quell’Eden che solo la nostra pretesa superiorità sulla natura ci sottrae, insieme alla felicità per la quale siamo stati creati.

Leggi l’articolo completo sul sito de L’Osservatore Romano

Foto dalla pagina Facebook Fraternità Monastero San Magno

Articoli collegati

Ambiente e Laudato Sì al Festival Francescano di Bologna

Tiziana Tuccillo

Progettare il futuro

Pierluigi Sassi

Papa Francesco: “Madre Terra geme in balia dei nostri eccessi.”

Tiziana Tuccillo