Foto: Karl Egger - Pixabay.com
Foto: Karl Egger - Pixabay.com
Cambiamento Climatico Economia

EEA: il cambiamento climatico sfavorirà l’agricoltura dell’Europa del sud

La resa di alcune colture come il grano o il mais potrebbe diminuire del 50% entro il 2050. Lo afferma uno studio dell’Agenzia Europea per l’Ambiente che mette in guardia i paesi membri dell’Unione Europea sui danni che il cambiamento climatico in atto porterà al settore agricolo nei prossimi anni.

Gli eventi climatici anomali ed estremi che stiamo vivendo già ora, sono destinati a continuare e ad aumentare, in uno scenario di riscaldamento globale crescente. Fenomeni come siccità prolungateinondazioniprecipitazioni violente e ondate di calore, porteranno alla diminuzione su larga scala della produzione agricola e del bestiame. Sono le conclusioni del rapporto “Climate change adaptation in the agriculture sector in Europe“, pubblicato dall’Agenzia Europea dell’Ambiente

Questi cambiamenti in realtà potrebbero giovare al settore agricolo di alcune regioni dell’Europa, soprattutto nel nord del continente, dove belle stagioni più lunghe e temperature più miti potrebbero favorire le coltivazioni. Ma contemporaneamente gli agricoltori del meridione d’Europa dovranno soffrire gli effetti di minori piogge, o rovesci più intensi e irregolari, alternati a lunghi periodi di siccità.

Le colture più sfavorite sono quelle non irrigate, e dunque più legate alle condizioni atmosferiche: ad esempio il grano, il mais e la barbabietola da zucchero. Di conseguenza, l’Agenzia Europea per l’Ambiente prevede che entro la fine del XXI secolo i terreni agricoli dei paesi meridionali subiranno un crollo fino all’80% dell’attuale valore economico; eventualità che potrebbe portare all’ulteriore abbandono delle campagne.

Purtroppo, fa notare lo studio, solo pochi paesi stanno programmando azioni di resilienza al cambiamento climatico, specifiche per il settore agricolo. Occorrerebbe invece incentivare e favorire le aziende ad adottare rapidamente misure lungimiranti, come ad esempio: l’introduzione di colture più adatte al clima che cambia; il miglioramento delle tecniche di irrigazione per ottimizzare l’utilizzo dell’acqua; e la diversificazione delle coltivazioni per rendere l’economia agricola meno soggetta ai capricci del tempo.

Articoli collegati

L’Italia dei rifiuti: bene la raccolta, mancano gli impianti

Giuliano Giulianini

Il turismo (sostenibile) dopo la pandemia

Giuliano Giulianini

Comunità energetiche: energia pulita dai cittadini per i cittadini

Giuliano Giulianini

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su “Abilita cookie”, acconsenti all’uso dei cookie. Non abilitando i cookie alcune funzionalità del sito risulteranno inutilizzabili. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie e Privacy policy