Economia Pianeta

La biodiversità sta calando, allarme Fao: pericolo per il cibo a disposizione

La Fao ha pubblicato un Rapporto in cui si analizza lo stato della biodiversità sia vegetale che animale, ai fini della produzione alimentare: biodiversità in calo, ma aumentano le pratiche eco-friendly

È stato da poco pubblicato il Rapporto Fao sullo “Stato della biodiversità mondiale per l’alimentazione e l’agricoltura”, che analizza appunto la condizione di piante, animali e microrganismi (api ed altri impollinatori) alla base della produzione alimentare e agricola. Il Rapporto è stato preparato sotto la guida della Commissione Fao sulle risorse energetiche per l’alimentazione e l’agricoltura, e si basa sull’analisi di dati forniti da 91 Paesi.

L’allarme che la Fao lancia è poco incoraggiante: la biodiversità sta calando, e ciò che viene perso non può essere più recuperato. Questo mette il cibo e l’ambiente in serio pericolo.

Dal punto di vista della biodiversità di origine vegetale, emerge che, delle circa 6 mila specie di piante coltivate per il cibo, meno di 200 riforniscono la popolazione terrestre dal punto di vista alimentare, e di esse solo 9 rappresentano da sole il 66% della produzione totale.

Se invece si parla di allevamenti, la produzione mondiale di alimenti di origine animale si basa su circa 40 specie, da cui si ottengono carne, latte e uova. Inoltre, delle 7745 razze di bestiame, il 26% è a rischio di estinzione. Il tutto mentre un terzo degli stock ittici è sovrasfruttato e oltre la metà ha raggiunto il limite della sostenibilità.

Globalmente, il Rapporto parla di un quarto di 4000 specie di cibo selvatico (piante, pesci e mammiferi) che sta diminuendo in tutti i 91 Paesi analizzati.

Afferma il direttore generale della Fao, José Graziano da Silva: “La biodiversità è fondamentale per la salvaguardia della sicurezza alimentare globale. Dobbiamo usarla in modo sostenibile per rispondere meglio alle crescenti sfide del cambiamento climatico e produrre cibo senza danneggiare l’ambiente”.

La notizia positiva è che, sempre stando ai dati del Rapporto, l’80% dei 91 Paesi analizzati afferma di seguire una o più pratiche ecosostenibili come l’approccio eco-sistemico alla pesca, la gestione sostenibile delle foreste, l’agro ecologia, l’agricoltura conservativa, i sistemi integrati di allevamento di bestiame e agro-forestali, l’acquaponica, la policoltura e l’agricoltura biologica. (Giorgia Martino)

Articoli collegati

Chi protegge la Natura?

Giuliano Giulianini

I popoli originari sono parte dell’ecosistema

Redazione

L’Unione Europea ricicla al 48%

Tiziana Tuccillo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su “Abilita cookie”, acconsenti all’uso dei cookie. Non abilitando i cookie alcune funzionalità del sito risulteranno inutilizzabili. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie e Privacy policy