Foto Pixabay
Ecosistema Interviste Società

Un secolo di Legge Serpieri: l’Italia del dissesto e delle foreste

Ecosistema, la rubrica radiofonica di Earth Day Italia su Radio Vaticana, presenta i temi del convegno che ha celebrato i 100 anni del vincolo idrogeologico e forestale.

Il 30 dicembre del 1923 venne promulgata la cosiddetta Legge Serpieri, in vigore ancora oggi, che rappresa una pietra miliare per la protezione dell’ambiente. Il Regio decreto-legge n. 3267 “Riordinamento e riforma della legislazione in materia di boschi e di terreni montani” è stato il primo strumento legislativo italiano orientato a tutelare sia gli ambienti naturali, sia l’economia dei territori che, soprattutto in montagna, si basavano sullo sfruttamento di boschi, cave e alvei fluviali. Dal 2023 insomma si è istituito quel vincolo idrogeologico e forestale per cui chiunque voglia modificare il territorio deve ottenere un nulla osta amministrativo.

L’importanza, ancora attualissima, di questa materia risulta evidente leggendo l’articolo 1 della legge: “Sono sottoposti a vincolo per scopi idrogeologici i terreni di qualsiasi natura e destinazione che […] possono con danno pubblico subire denudazioni, perdere la stabilità o turbare il regime delle acque.

Simonetta Ceraudo, Presidente Ordine dei Geologi del Lazio
Simonetta Ceraudo

Per celebrare il centenario del vincolo idrogeologico e forestale, lunedì scorso si è tenuto a Roma il convegno: “Vincolo idrogeologico e forestale 1923-2023: applicazione, gestione, prevenzione – stato dell’arte e prospettive future”; organizzato e animato da Città metropolitana di Roma Capitale, ISPRA, Ordine dei Geologi del Lazio, Regione Lazio, Società Geologica Italiana, Società Italiana di Geologia Ambientale e Federazione Ordine Dottori Agronomi e Forestali del Lazio. Ne abbiamo parlato nella puntata odierna di Ecosistema, la rubrica di Earth Day Italia trasmessa ogni giovedì da Radio Vaticana Italia, con i contributi di Simonetta Ceraudo, presidente dell’Ordine dei Geologi del Lazio, e Gianluca Piovesan, professore ordinario di Assestamento Forestale e Silvicoltura all’Università della Tuscia. Di seguito il podcast della trasmissione.

L’argomento è di scottante attualità. Ricordiamo alcuni dati: oltre 7000 comuni italiani, il’94% del totale, sono a rischio frane, alluvioni o erosione costiera. Dieci tra regioni e province autonome hanno il 100% dei comuni interessati da uno o più di questi rischi: Valle D’Aosta, Trento, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Molise, Basilicata e Calabria. Con scarsa lungimiranza il nostro Paese ha speso per la prevenzione del rischio idrogeologico soltanto 2 miliardi, nel periodo 2013-2019. Nel frattempo il costo delle emergenze dello stesso periodo è stato dieci volte tanto: 20 miliardi; senza contare i costi sostenuti dai privati (fonte dati: rapporto “I territori e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile” – Asvis 2023)

Il convegno di lunedì scorso ha dato voce anche a Carabinieri Forestali e studiosi delle discipline che riguardano boschi e foreste. In questo momento storico, dopo decenni di abbandono delle campagne e delle aree interne, soprattutto sulle montagne, il numero di alberi è cresciuto di molto lungo tutta la penisola, fino a ricoprire di boschi, foreste e vegetazione in generale oltre un terzo del Paese. Le stime più aggiornate parlano di oltre 12 miliardi di alberi dalle alpi alle punte dello stivale: vuol dire 200 alberi per ogni cittadino italiano.

Dove si trovano tutti questi alberi? Un terzo crescono su terreni pubblici: 139 riserve naturali, ma anche parchi e giardini, scuole, ville storiche. Due terzi si trovano invece su proprietà private: oltre a parchi e giardini privati, ci sono boschi coltivati per il legno o per i frutti. Sono quasi 3000 i boschi da seme. Mentre i boschi vetusti – quelli caratterizzati da piante tipiche del territorio e più vecchi di 60 anni – sono 166; e rappresentano il fiore all’occhiello del nostro scrigno verde. Per chiarire che questo patrimonio non è solo vegetale, uno studio del Ministero dell’Agricoltura ci ricorda che nei boschi italiani prosperano 117 specie di mammiferi, 46 di anfibi, 250 specie di uccelli e ben 5000 di funghi. Quando si dice: scrigno di biodiversità.

Molto di questo tesoro nazionale è ancora fiorente proprio grazie al vincolo idrogeologico e forestale istituito nel 1923. Ma ovviamente bisogna vigilare e tutelare, perché, ad esempio il 70% degli alberi italiani si trova in aree non protette e, sebbene l’80% risulti in buona salute, il restante 20% è colpito da varie patologie: malattie dei tronchi e delle chiome che possono essere causate da agenti atmosferici, traumi, incendi, attacchi di parassiti autoctoni e importati, mala gestione o tagli e potature deleteri.

Articoli collegati

Dalla parte dei cani

Tiziana Tuccillo Giuliano Giulianini

M’Illumino di Meno, “Ecosistema” racconta il risparmio energetico

Tiziana Tuccillo Giuliano Giulianini

Comuni, vietate il volo dei palloncini!

Tiziana Tuccillo