Il murale di Moby Dick e degli alunni della Scuola Morvillo
Ecosistema Educazione Società

Vivi la tua scuola

Da un progetto contro l’abbandono scolastico, il racconto del lavoro di due scuole della periferia romana: un murale a tema ambientale di Moby Dick creato con gli alunni della scuola Morvillo, e il lavoro degli studenti della scuola Pertini-Falcone sui diritti umani e la tutela dell’ambiente sanciti dalla Costituzione.

Secondo dati Eurostat, elaborati da OpenPolis, in Europa i giovani che non studiano e non lavorano (definiti “neet”) sono aumentati dell’11% nell’anno della pandemia. L’Italia è in cima a questa classifica: il 20,7% dei giovani tra 15 e 24 anni ha abbandonato gli studi, non ha un lavoro o un percorso di formazione in atto. Come sempre c’è differenza tra le regioni del nord, in media con il resto d’Europa, e quelle del centro-sud: in Sicilia la percentuale sale al 30%. Nel Lazio i neet sono il 17%, sotto la media nazionale ma almeno 5 punti sopra quella europea. Parlando invece di abbandono scolastico, i ragazzi italiani che non arrivano a completare gli studi fino al diploma sono più del 13%. Un dato in via di miglioramento negli ultimi anni ma ancora superiore all’obiettivo europeo del 10%. Nel Lazio la percentuale scende a circa l’11%, e a Roma si fissa sul 10,7%. Ma nelle grandi città ci possono essere enormi differenza tra quartieri, come ha dimostrato un recente studio sulla città di Napoli, dove l’abbandono scolastico nei quartieri più popolari è risultato triplo rispetto a quelli più benestanti.

Earth Day Italia partecipa al progetto “Vivi la tua scuola”, orientato a prevenire e contrastare la dispersione e l’abbandono scolastici, attraverso attività scolastiche ed extrascolastiche e tempo libero. Il progetto è stato presentato nell’ambito del bando nazionale “Adolescenza” 2016, finanziato dall’impresa sociale “Con I Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, e realizzato insieme a soggetti pubblici e del terzo settore: il soggetto responsabile Bottega Solidale Cooperativa Sociale Onlus, l’Università LUMSA, il Municipio Roma IV Delle Torri, ed alcune associazioni artistiche, sociali e sportive del territorio della periferia sud di Roma (Bottega Solidale Cooperativa Sociale Onlus, ASD Giochi di Strada, Forma&Azione, Scuola di Musica Bela Bartok, AdQ Collina della Pace, Centro Anziani “Borghesiana e i suoi anziani”)

Il progetto è rivolto ad adolescenti tra gli 11 e i 17 anni, delle classi di 1a, 2a, 3a della scuola secondaria di I grado Francesca Morvillo e di 1a, 2a, 3a, 4a della Scuola secondaria di II grado Pertini-Falcone. I due istituti si trovano nel territorio del Municipio Roma VI, presso il quartiere di Tor Bella Monaca, a poca distanza l’uno dall’altro.

Nei primi due contributi registrati sul posto e riportati qui di seguito abbiamo rivolto alcune domande a Valeria Sentili, Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo Francesca Morvillo, e a Giulia Piermarini, alunna dello stesso istituto. In questa scuola il progetto ha portato lo street artist Moby Dick, noto per il suo impegno per l’ambiente e per le sue opere sempre orientate ai temi della difesa degli animali e del mare. L’artista ha avviato con gli studenti un progetto artistico-creativo, che ha portato, dopo diversi incontri, a concepire e realizzare tutti insieme un murale sull’esterno della scuola: una rappresentazione di animali marini che nuotano in un mare inquinato dalla plastica.

I seguenti contributi sono stati registrati nell’Istituto di Istruzione Superiore Pertini-Falcone. Ne riferiscono Maria Caterina Lico, insegnante di Italiano e Storia, Sofia Cesarò e Giuseppe Pochi, studenti della Classe Seconda “L” dell’indirizzo “Scientifico e Scienze Applicate”. In questa applicazione del progetto “Vivi la tua scuola” i ragazzi sono stati coinvolti in un lavoro di approfondimento sugli articoli 2 e 9 della Costituzione Italiana (che garantiscono i diritti inviolabili della persona e la tutela dell’ambiente) e sugli articoli 1 e 29 della Dichiarazione Universale Diritti Umani promulgata dalle Nazioni Unite. Un dibattito che ha portato i ragazzi a discutere di diritti e doveri, e concetti come la parità, l’uguaglianza, la libertà e la solidarietà; oltre che alle azioni intraprese dalla Nazioni Unite negli ultimi anni per affrontare la crisi ambientale e climatica. Questo lavoro ha portato anche alla realizzazione di alcuni videoclip nella maratona multimediale One People One Planet in occasione della Giornata Mondiale della Terra dello scorso 22 aprile.

Articoli collegati

L’Italia ciclabile è al bivio. La metà di chi va in auto in città potrebbe andare in bici.

Giuliano Giulianini

La Scuola verso la transizione ecologica

Redazione

Prampolini (WWF): Luci e ombre del PNRR

Giuliano Giulianini

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su “Abilita cookie”, acconsenti all’uso dei cookie. Non abilitando i cookie alcune funzionalità del sito risulteranno inutilizzabili. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie e Privacy policy