Foto Suffix da Pixabay
Ecologia integrale

15 maggio: maratona per l’India

L’Università Cattolica organizza un convegno internazionale virtuale di ginecologia e pediatria per sostenere lo Shanti Ashram, un centro che assiste e sostiene decine di migliaia di donne e bambini in India.

Due anni fa la dottoressa Antonia Testa, professore associato di Ginecologia e Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, fa un viaggio in India. Nell’occasione è ospite di una pediatra; Kezevino Aram, che dirige lo Shanti Ashram un “centro gandhiano per lo sviluppo, l’apprendimento e la collaborazione”. Dietro questa definizione c’è un’attività di assistenza sanitaria e sociale attraverso, ad esempio, una banca del cibo, una struttura di formazione per l’imprenditoria femminile e, sul fronte sanitario, l’assistenza a 50 mila bambini e alle donne malate di HIV. Il bacino di questo centro sono la miriade di villaggi intorno alla città di Coimbatore, dove ha sede la struttura, dello stato del Tamil Nadu all’estremo sud del subcontinente.

La pandemia dell’ultimo anno ha ovviamente messo a dura prova la popolazione tanto che, già a Natale scorso, la dottoressa Aram, al telefono con la collega descriveva così la situazione: “Dopo 8 mesi di lockdown abbiamo esaurito tutte le nostre risorse, non ho mai visto tanta povertà”. A questa realtà si è aggiunta la recrudescenza dei contagi e l’aumento esponenziale dei decessi che stanno mettendo in ginocchio l’India dalla fine di febbraio.

Per rispondere alla richiesta di aiuto e contribuire all’opera dello Shanti Ashram, la dottoressa Testa e il collega Luca Savelli, ginecologo dell’Università di Bologna, hanno organizzato la “Marathon for solidarity”, un convegno internazionale di ginecologi e pediatri di fama mondiale che si terrà online il 15 maggio, dalle 8 alle 18. Il convegno (in lingua inglese), patrocinato dalla Cattolica e dal Centro di Ateneo per la Solidarietà Internazionale, è ovviamente materia per specialisti, ma in apertura ci sarà un’interessante relazione divulgativa del prof. Salvatore Mancuso (Università Cattolica) sulla “storia della placenta”, per mettere in relazione il lato scientifico e quello umano della maternità e della nascita. La partecipazione all’evento è gratuita e aperta a tutti. La raccolta fondi sarà sostenuta da alcuni sponsor, ma durante la maratona ci sarà modo per chiunque di contribuire a raggiungere il traguardo dei 60 mila euro necessari all’attività dello Shanti Ashram perl’immediato e per i prossimi mesi.

Per iscriversi all’evento: www.roma.unicatt.it; per informazioni: tel: 0630154297, e-mail: eventi.roma@unicatt.it
Per le donazioni: https://gofund.me/789dc509

Articoli collegati

Il Papa ai giovani della COP: “Siete il presente. Fate chiasso, fatevi sentire!”

Tiziana Tuccillo

La Cop-giovani: per parlare fuori dal coro

Pierluigi Sassi

Earth Day Italia e ASviS promuovono la Piattaforma Laudato Si’ di Papa Francesco

Redazione

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su “Abilita cookie”, acconsenti all’uso dei cookie. Non abilitando i cookie alcune funzionalità del sito risulteranno inutilizzabili. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie e Privacy policy