Educazione

Earth Prize International: la maratona OnePeopleOnePlanet premiata per la promozione della cultura della sostenibilità

La direttrice scientifica di Earth Day Italia, Roberta Cafarotti, premiata per l’Italia assieme a Luca Mercalli.

In un formato particolare, parzialmente in presenza e molto a distanza, si è svolta il 10 e 11 ottobre a Luino (Va) la terza edizione di Earth Prize International, il premio internazionale per l’educazione ambientale e il paesaggio organizzato da WEEC Network e Comune di Luino con il contributo della Regione Lombardia.

Tra i vincitori della categoria Italia Roberta Cafarotti, direttrice scientifica di Earth Day Italia.

Il premio viene conferito per l’organizzazione della maratona multimediale “OnePeopleOnePlanet” in occasione del 50° anniversario dell’Earth Day.

Roberta Cafarotti – si legge nella motivazione – riceve il premio per l’impegno nella promozione di una cultura della sostenibilità anche in tempi di COVID-19, collegando migliaia di italiani direttamente dalle loro abitazioni.

 

È un premio da condividere con tutti i colleghi, le oltre 400 persone coinvolte nella maratona e le 250 organizzazioni che hanno contribuito al Villaggio per la Terra e alla sua versione digitale, la maratona “OnePeopleOnePlanet” – dichiara la Cafarotti – Questo premio riconosce l’importanza della collaborazione tra educazione formale, informale e non formale e la necessità del coinvolgimento di tutti, istituzioni, associazioni, imprese, cittadini, studenti, territori e comunità, nell’educazione dei ragazzi. Quella educativa non è una relazione additiva, ma moltiplicativa e generativa per cui, se si elimina uno dei fattori, il prodotto diventa zero. “

Con Roberta Cafarotti, premiato per la categoria Italia Luca Mercalli, anche lui tra i partecipanti della maratona organizzata da Earth Day Italia. Il noto meteorologo, climatologo e divulgatore scientifico, riceve il premio “per la sua carriera dedicata alla divulgazione scientifica, particolarmente attenta alle problematiche ambientali e climatiche, nonché per la sua dedizione nel trasmettere con linguaggio chiaro e rigoroso l’urgenza di un cambiamento non più procrastinabile. Per il suo approccio comunicativo chiaro e immediato, per il suo esempio costante e instancabile capace di convincere ed educare a tutti i livelli.”

I vincitori nella categoria internazionale sono invece lo scrittore e divulgatore scientifico statunitense David Quammen, premiato per la sua attività di divulgazione riguardo il legame esistente tra la nascita di nuove malattie zoonotiche e le attività umane nei confronti dell’ambiente, le sorelle Melati e Isabel Wijsen, giovani attiviste ambientali di Bali che con la loro campagna Bye Bye Plastic Bags sono riuscite a ottenere la messa al bando dei sacchetti di plastica e delle cannucce e che hanno dato vita a Youthopia, un movimento globale che mira a formare una generazione di changemaker e fornire loro gli strumenti per fare la differenza.

Menzione speciale poi per la North American Association for Environmental Education per gli strumenti messi a disposizione degli educatori ambientali durante il lockdown e per il professore australiano Philip Smith creatore della competizione Speaking4theplanet.

Per la categoria paesaggio premiati altri due italiani: Stefano Boeri, architetto e urbanista di fama internazionale, per la ricerca di soluzioni innovative e sostenibili in ambito urbano e Giulia Maria Crespi, fondatrice del FAI, cui è stato attribuito un premio speciale alla memoria.

 

Infine due premi speciali.

Il Blue Prize, riconoscimento per chi si è distinto nella tutela dell’ambiente legato all’acqua in tutte le sue forme, è andato al giornalista e fotografo Franco Borgogno per aver portato avanti con impegno e dedizione la ricerca e il monitoraggio dello stato di salute del mare. Il premio per la “Giusta transizione”, premio conferito dall’ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo sostenibile – è stato assegnato a Enel Foundation per il suo progetto Open Africa Power.

Articoli collegati

Il cibo sano per l’uomo, sana anche la Terra

Giuliano Giulianini

La Scuola verso la transizione ecologica

Redazione

Vivi la tua scuola

Giuliano Giulianini

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su “Abilita cookie”, acconsenti all’uso dei cookie. Non abilitando i cookie alcune funzionalità del sito risulteranno inutilizzabili. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie e Privacy policy