Ecologia integrale

Non si può prescindere dalla condivisione

Pierluigi Sassi, presidente di Earth Day Italia, commenta la chiusura della COP26 sul sito dell’Osservatore Romano.

È stato un negoziato duro, quello che in Scozia ha coinvolto i 197 Paesi membri delle Nazioni Unite, per la definizione di una politica globale sul clima. Lo ha sottolineato efficacemente il mal celato nodo alla gola che, nel suo discorso conclusivo, ha tradito il presidente della Cop26, Alok Sharma. Non deve essere affatto facile gestire le tensioni di squilibri mondiali che si fanno sempre più marcati, sotto l’incombenza di un riscaldamento climatico ormai alle soglie dell’irreversibilità […]

A dispetto delle enormi difficoltà incontrate nei negoziati, come anche dei tragici compromessi che tratteggiano il Glasgow Climate Pact, la Cop26 ha avuto il merito di tenere viva la speranza per la transizione ecologica di cui l’umanità ha sempre più urgente bisogno […]

Leggi l’articolo completo sul sito dell’Osservatore Romano

Articoli collegati

Le emozioni che generano il cambiamento

Pierluigi Sassi

La conversione ecologica ha radici profonde nella Sacra Scrittura

Giuliano Giulianini

Abodi: Così aiutiamo le diocesi a sviluppare i progetti legati alla transizione ecologica

Pierluigi Sassi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su “Abilita cookie”, acconsenti all’uso dei cookie. Non abilitando i cookie alcune funzionalità del sito risulteranno inutilizzabili. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie e Privacy policy